Ecografia alla tiroide e paratiroide

Che cos’è l’ecografia tiroide-paratiroide?

L’ecografia alla tiroide e paratiroide viene effettuata tramite focalizzazione spaziale secondo i vari piani anatomici dell’organo. Quest’esame non si basa sull’utilizzo di radiazioni ma sull’emissione di ultrasuoni, niente affatto dannosi per l’organismo.

A che cosa serve l’ecografia alla tiroide e paratiroide?

L’ecografia alla tiroide e paratiroide permette di individuare alterazioni della struttura della ghiandola come la presenza di noduli. L’esame è quindi utile per esplorare la struttura della tiroide, dei vasi sanguigni circostanti e degli organi contigui.

Sono previste norme di preparazione?

L’ecografia alla tiroide e paratiroide può essere effettuata in ogni momento, anche nel corso delle terapie tiroidee; l’esame non necessita di alcuna preparazione particolare.

Chi può effettuare l’ecografia alla tiroide e paratiroide?

L’esame può essere effettuato da chiunque abbia bisogno di indagare sulla morfologia tiroidea e trarne informazioni.

L’ecografia alla tiroide e paratiroide è dolorosa o pericolosa?

L’esame non è né doloroso né pericoloso, in quanto non si esercita alcuna pressione consistente sul collo, né si utilizzano radiazioni ionizzanti ma onde a ultrasuoni innocue per l’organismo.

Come funziona l’ecografia alla tiroide e paratiroide?

Per effettuare l’esame viene utilizzata una sonda ad elevata frequenza a contatto con il collo: il paziente si trova in posiziona supina con il collo iperteso. L’esame viene eseguito tramite lo scorrimento di una sonda ecografica, azionata manualmente dal medico, sulla sezione del corpo interessata e che è stata precedentemente ricoperta di gel trasparente in modo da favorire il passaggio degli ultrasuoni.