Che cos’è l’acido pinoleico?

L’acido pinoleico è un grasso insaturo che troviamo esclusivamente nell’olio di pinoli. Dal punto di vista chimico, è un isomero dell’acido gamma-linoleico, un grasso essenziale che fa parte della serie degli omega 6 a cui sono correlate diverse proprietà benefiche per la salute; in virtù di questo, possiamo affermare che l’acido pinoleico e l’acido gamma-linoleico hanno la stessa formula bruta, ma che i loro atomi di carbonio sono uniti in modo diverso.

Qual è la funzione dell’acido pinoleico?

All’acido pinoleico viene attribuita la capacità di ridurre la fame attraverso l’azione su due ormoni che funzionano come soppressori dell’appetito, CCK e GLP-1. In particolare, l’acido pinoleico agisce su CCK rallentando così lo svuotamento dello stomaco e promuovendo una sensazione di sazietà. Agendo in modo mirato su GLP-1 l’acido rallenterebbe invece l’assorbimento del cibo; anche in questo avrebbe come effetti finali una sensazione di sazietà e una limitazione del desiderio di mangiare ancora.

Sembra inoltre efficace nell’aiutare ad abbassare la pressione alta e ridurre i livelli di colesterolo nel sangue promuovendo l’assunzione del colesterolo cattivo da parte del fegato. Anche in questo caso entrerebbe in gioco GLP-1, che a livelli elevati è associato a una riduzione nei livelli di colesterolo ematico.

Infine, livelli elevati di GLP-1 sono stati associati alla riduzione del glucosio nel sangue.

Attualmente per sopprimere l’appetito e migliorare la salute digestiva viene spesso consigliato l’uso degli integratori a base di acido pinoleico (in particolare, di olio di pinoli). Ne viene proposto l’uso anche per aumentare l’energia a disposizione del cervello e come antiossidanti.

L’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) non sembra però aver approvato claim che certifichino i possibili benefici dovuti al consumo di prodotti che contengono acido pinoleico.

 

Avvertenze e possibili controindicazioni

Non risultano condizioni in cui l’olio di pinoli o, più nello specifico, l’acido pinoleico potrebbero essere controindicati. Non si possono però escludere a priori la possibilità che la loro assunzione possa provocare un rischio di allergie.

Prima di assumere non solo prodotti a base di acido pinoleico, ma anche altri integratori alimentari, è consigliabile chiedere un parere al proprio medico per dissipare ogni dubbio.

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.