Che cos’è la pilosella?

La pilosella è conosciuta anche con altri nomi, come pelosella, orecchie di topo e lingua di gatto. La pilosella (nome scientifico Hieracium pilosella) è una pianta erbacea della famiglia delle Composite, che presenta foglie ricoperte da una peluria biancastra (caratteristicada cui la pianta prende il suo nome).

 

A cosa serve la pilosella?

Piuttosto rinomata in campo fitoterapico, sono diverse le qualità che vengono attribuite all’utilizzo di prodotti a base di pilosella, e che le hanno valso l’inserimento in numerosi integratori: nello specifico questa pianta sembrerebbe possedere, per via delle sue capacità antinfiammatorie, proprietà lenitive rispetto a disagi respiratori come asma, bronchite e tosse; grazie alle sue proprietà diuretiche e drenanti rivestirebbe un ruolo importante nel trattamento della ritenzione dei liquidi (in particolare per diversi disturbi tra cui gonfiore degli arti inferiori, edemi, cellulite); diminuirebbe la formazione di gas intestinali e coliche e, per finire, avrebbe la capacità di favorire la sudorazione. La pilosella potrebbe inoltre essere una preziosa alleata del fegato (stimolando la secrezione biliare del fegato e promuovendo la secrezione e il deflusso della bile attraverso la cistifellea) e dell’apparato urinario (le sue qualità diuretiche sono utili anche in presenza di infezioni urinarie, dato che facilitano l’eliminazione dei microrganismi patogeni tramite le urine). Viene spesso utilizzata nella produzione di creme per la protezione solare.

 

Avvertenze e possibili controindicazioni

Per quanto al momento non si abbiano molte certezze circa la sicurezza relativa all’utilizzo di pilosella, il consumo adeguato e corretto di prodotti a base di questa pianta viene solitamente ritenuto ben tollerato. A finalità di prudenza è meglio evitare di usare prodotti a base di pilosella durante il periodo della gravidanza e dell’allattamento.  Oltretutto sarebbe meglio evitare l’assunzione di pilosella qualora ci fosse una ipersensibilità nota o presunta alla pianta; occorre tenere a mente che la pilosella può causare reazioni allergiche in particolar modo nei soggetti sensibili ad altre piante della famiglia delle Asteraceae/Compositae, tra le quali si annoverano ambrosia, crisantemo, calendula e margherita. Allo stato attuale non si hanno indicazioni riguardo a possibili interazioni farmacologiche da segnalare nel caso di un concomitante utilizzo con la pilosella.

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.