Allergia all'uovo

L'allergia all'uovo è una delle allergie alimentari più comuni tra i bambini. Nonostante in determinate condizioni possa continuare fino all’età adulta, questo tipo di allergia nella maggioranza dei casi si presenta durante la prima infanzia, per poi sparire prima dell'adolescenza.

Che cos'è l'allergia all'uovo?

Il tuorlo e l'albume dell’uovo racchiudono le proteine in grado di scatenare l'allergia, eppure l'allergia all'albume è maggiormente diffusa. Di rado questa allergia provoca l'anafilassi (reazione allergica grave e a veloce comparsa che, se non curata, può portare al decesso).

Quali sono le cause dell'allergia all'uovo?

Il sistema immunitario individua in modo errato certe proteine dell'uovo ritenendole nocive: nel momento in cui il nostro organismo viene in contatto con queste sostanze gli anticorpi le "segnalano" al sistema immunitario, che al fine di difendersi determina il rilascio nel sangue di istamine e di altre sostanze chimiche che provocano la sintomatologia allergica.

Quali sono i sintomi dell'allergia all'uovo?

Le reazioni allergiche all'uovo possono mutare da soggetto a soggetto, in una gamma di sintomi che possono essere più o meno gravi:  

  • infiammazioni cutanee o orticaria (è la forma di reazione allergica all'uovo più diffusa)
  • rinite allergica
  • disturbi digestivi (fra i quali crampi, nausea e vomito)
  • sintomi tipici dell'asma (tosse, senso di costrizione toracica, mancanza di respiro)

Come prevenire l'allergia all'uovo?

Per non incorrere in una reazione allergica, è consigliabile:

  1. leggere attentamente le etichette sugli alimenti, per accertarsi che non presentino uova o tracce di uova
  2. prestare una certa attenzione quando si mangia fuori casa

Se in passato si è stati oggetti di una reazione allergica grave, è bene portare un braccialetto o una medaglietta che consenta ai soccorsi di sapere di conoscere di quale tipo di allergia si soffre nel caso non si sia nella possibilità di comunicare.

Per quanto riguarda i bambini che soffrono di allergie, occorre parlarne con le persone che si occupano del bambino (baby sitter, maestre) e accertarsi che conoscano il da farsi in caso di emergenza.

Prima di vaccinare i bambini con allergia all’uovo è meglio parlare con un pediatra.

Diagnosi

Poiché che non c’è un test specifico per effettuare la diagnosi di allergia all'uovo, il medico impiegherà differenti approcci per eliminare alcune condizioni in grado di provocare sintomi affini. Dopo aver eseguito una visita completa, il medico potrà perciò domandare di sottoporsi a uno o più di questi esami:

  • Prick test: la pelle viene bucata da un ago per far penetrare minuscole dosi di proteine presenti nelle uova; se dopo alcuni minuti attorno al luogo dell'iniezione si crea un ponfo rosso e caldo, significa che si è sensibili.
  • Analisi del sangue: un esame del sangue (il test degli anticorpi IgE) può determinare la risposta del sistema immunitario alle uova, verificando la quantità di anticorpi specifici nel sangue che indicano solitamente la presenza di una reazione allergica.
  • Prick by prick test: si effettua tramite l’utilizzo diretto di piccole dosi dell'alimento presunto allergizzante per verificare le reazioni dell'organismo.
  • Dieta a eliminazione: può anche essere consigliata una dieta "a eliminazione" di certi alimenti che, dopo un certo lasso di tempo, saranno reintrodotti uno alla volta, consentendo al medico di mettere in relazione la sintomatologia a determinati alimenti.

Trattamenti

Attualmente non c’è alcun trattamento che permetta di curare l'allergia all'uovo: l'unico modo per evitare il manifestarsi dei sintomi è non consumare uova e tutte le preparazioni alimentari che potrebbero contenerlo.

Qualora le reazioni allergiche non fossero di grave entità, per attenuare i sintomi possono essere adoperati medicinali antistaminici. Questi medicinali, tuttavia, non sono efficaci per prevenire l'allergia all'uovo o per trattare reazioni allergiche gravi (che potrebbero invece richiedere un'iniezione di adrenalina).

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.