Robot Da Vinci

Il Da Vinci è il più evoluto sistema robotico per la chirurgia mininvasiva. Le sue caratteristiche tecniche lo rendono utilizzabile in vari settori, dall’urologia alla ginecologia, dalla chirurgia toracica alla chirurgia generale. Humanitas si serve di un parco macchinari completo e all’avanguardia: l’ospedale dispone infatti dell’ultima e più evoluta versione del robot, il modello Xi, oltre che del precedente modello Si, oltretutto complementare.

Come funziona il robot Da Vinci?

Il chirurgo, fisicamente lontano dal campo operatorio e seduto a una postazione con display e comandi, muove i bracci del robot, collegati agli strumenti endoscopici, che vengono introdotti mediante piccole incisioni. Il campo operatorio è proiettato in 3D, con immagini nitide e ad altissima risoluzione.

Come è costituito il robot Da Vinci?

Il robot è formato da tre componenti principali:

  • console chirurgica: posizionata esternamente al campo sterile. Per mezzo della console il chirurgo opera agendo su due manipolatori (simili a joystick) e pedali che guidano la strumentazione, osservando il campo operatorio tramite il display dell’endoscopio tridimensionale. Il robot copia i gesti del chirurgo alla console, ma consente di operare con più precisione grazie alla soppressione del tremore naturale delle mani e alla possibilità di scalare (demoltiplicare) i movimenti. Inoltre, la visione ingrandita e tridimensionale del campo operatorio fa sì che il chirurgo riesca a distinguere le strutture anatomiche più piccole, altrimenti difficilmente visibili ad occhio nudo.
  • carrello paziente: sostiene le braccia del robot, che eseguono materialmente l’intervento. Sui bracci dei robot sono installati gli strumenti Endowrist, dotati di un polso in grado di compiere una rotazione di quasi 360°. Gli strumenti sono progettati con sette gradi di movimento, un raggio molto superiore a quello del polso umano.
  • carrello visione: contiene l’unità centrale di elaborazione e un sistema video ad alta definizione (Full HD). Il campo operatorio viene catturato dall’endoscopio e ritrasmesso alla testa della videocamera stereo ad alta definizione, progettata per disporre di un campo visivo di 60°. Insieme agli endoscopi Intuitive Surgical, il sistema di visione permette di ingrandire al zona operatoria di 6-10 volte.

Il sistema, effettuando autonomamente oltre un milione di controlli di sicurezza al secondo, offre la massima sicurezza e affidabilità durante il funzionamento. Feed-back audio video tengono informati chirurghi e personale medico in merito allo stato del sistema e allo stato di salute del paziente. Un ampio schermo touchscreen con la possibilità di tracciare disegni a mano libera sulla proiezione del campo operatorio agevola la comunicazione all’interno tra il personale di sala operatoria.

Quali sono le novità del Da Vinci Xi rispetto al modello precedente (Si)?

Il modello Da Vinci Xi è l’ultima e più evoluta versione della tecnologia Da Vinci. Rispetto alla versione Si, il nuovo robot ha uno schema di lavoro opposto. I bracci scendono dall’alto verso il basso e la loro posizione è impostata da un computer secondo schemi anatomici selezionati dal chirurgo in base al tipo di operazione necessaria. Il lavoro in parallelo dei bracci riduce il conflitto tra strumenti e consente loro di muoversi anche in direzioni opposte al verso di operatività classico. Tale innovazione consente di operare in diverse aree anatomiche anche opposte (addome superiore ed inferiore) senza modificare la posizione del robot. Un’altra caratteristica rilevante è il nuovo sistema di movimentazione dei bracci “Grab and Move“, che consente di movimentarli riducendo notevolmente la durata dell’intervento. Infine, a queste innovazioni si aggiunge il fatto che il nuovo Xi è dotato di tutti gli optional a disposizione dell’Si, tra cui la visione in fluorescenza, le suturatrici robotiche e altri strumenti emostatici.

Quali sono le caratteristiche del Da Vinci Single Site?

La piattaforma Single Site permette di effettuare le operazioni mediante un’unica incisione a livello ombelicale. I risultati sono simili a quelli degli interventi chirurgici in laparoscopia, ma con un risultato estetico migliore e una riduzione del dolore post-operatorio. Una particolare applicazione è la colecistemia robotica Single Site: attraverso un’unica incisione a livello dell’ombelico, viene introdotto nell’addome tutto lo strumentario chirurgico necessario all’intervento che, grazie all’evidenziazione delle vie biliari, viene eseguito in maggiore sicurezza.

Quando può essere utilizzato il Da Vinci?

I principali ambiti di applicazione del robot da Vinci sono:

  • chirurgia generale
  • chirurgia ginecologica (soprattutto ambito oncologico)
  • chirurgia urologica
  • chirurgia vascolare e toracica

Quali sono i vantaggi della chirurgia robot-assistita?

I vantaggi della chirurgia robot-assistita sono:

  • Maggiore facilità nell’esecuzione delle manovre chirurgiche complesse
  • Maggiore sicurezza per il paziente
  • Minore sanguinamento e bisogno di trasfusioni
  • Piccole incisioni e minor trauma per i tessuti
  • Più rapida ripresa dello svolgimento delle attività quotidiane
  • Riduzione dei tempi di recupero
  • Riduzione della degenza e del dolore post-operatorio.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.