Terapia ormonale o blocco androgenico totale (BAT) e orchiectomia sottocapsulare

Il tumore della prostata è una malattia ormonosensibile, ossia può essere controllata per periodi più o meno prolungati con l’utilizzo di farmaci che inibiscono il testosterone. Lo stesso risultato può essere ottenuto sottoponendo il paziente a orchiectomia sottocapsulare, cioè all’asportazione in anestesia locale e day hospital della “polpa” testicolare.

L’indicazione al trattamento ormonale o all’orchiectomia riguarda soprattutto i pazienti metastatici (con sviluppo a distanza di aree metastatiche).

Per quanto riguarda i pazienti con malattia localizzata, ma non sottoponibili a trattamento chirurgico o radioterapico, l’indicazione al trattamento è ancora in fase di studio.

Un’ulteriore possibilità riguarda il BAT intermittente (sospensione e ripresa del trattamento a seconda della fluttuazione del PSA). Questo schema terapeutico può essere utilizzato senza problemi in un gruppo di pazienti selezionato con l’obiettivo di limitare gli effetti collaterali dei farmaci anche per lunghi periodi.

Gli effetti collaterali dell’ormonoterapia includono calo del desiderio sessuale, ginecomastia, astenia, anemizzazione, debolezza, perdita di massa muscolare e frequenti vampate di calore.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.