Che cos’è la trigliceridemia?

 

I trigliceridi sono i grassi che sono contenuti nel sangue. Il loro accumulo – con funzione di riserva energetica – avviene all’interno delle cellule che costituiscono il tessuto adiposo. L’organismo poi converte in trigliceridi sia i grassi che gli zuccheri assunti tramite l’alimentazione. Una dieta troppo carica di grassi e zuccheri determina un innalzamento anche dei trigliceridi.

 

Perché misurare la trigliceridemia?

 

Alti valori di trigliceridi all’interno del sangue rappresentano un elemento di rischio notevole in relazione alle patologie cardiovascolari. Questo esame viene solitamente affiancato a quello del colesterolo totale, LDL e HDL.

 

Esistono norme di preparazione all’esame?

 

Si suggerisce di mantenere il digiuno nelle 12 ore precedenti il prelievo e di consumare solo un pasto leggero la sera prima.

 

L’esame è pericoloso o doloroso?

 

L’esame non è pericoloso e non procura alcun tipo di  dolore. Il paziente può avvertire il fastidio dovuto all’ingresso dell’ago all’interno del braccio.

 

Come si svolge?

 

L’esame si effettua tramite un semplice prelievo del sangue.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.