Cistocele

Il cistocele è un prolasso della vescica, cioè una condizione in cui il tessuto di supporto che si trova fra la vescica e la parete della vagina si indebolisce permettendo alla prima di estroflettersi all'interno della seconda.

Che cos’è il cistocele?

In certi casi la vescica può arrivare ad estroflettersi nella vagina: questo prolasso si chiama cistocele ed è accompagnato da un indebolimento del tessuto di supporto che si trova tra i due organi. Il pericolo di presentare questa condizione aumenta dopo un parto naturale, nelle donne che hanno subito un’isterectomia e a causa dell'invecchiamento, in particolar modo dopo la menopausa, dal momento che i livelli degli ormoni che contribuiscono a rafforzare i muscoli pelvici si riducono. In certe occasioni può avere un ruolo anche la predisposizione genetica. Diverse donne, in effetti, nascono con tessuti connettivi meno resistenti, una condizione che favorisce lo sviluppo di un cistocele.

Quali sono le cause del cistocele?

La formazione del cistocele è accompagnata da un indebolimento dei muscoli e dei legamenti del pavimento pelvico, che può essere causato dall'invecchiamento o da traumi derivanti dalle pressioni cui sono sottoposti durante il parto o a una tensione muscolare cronica. Tra i fattori di rischio sono compresi la gravidanza e il parto naturale, il sovrappeso e l'obesità, il sollevamento reiterato di pesi eccessivi, gli sforzi compiuti per i movimenti intestinali e tosse o bronchite croniche.

Quali sono i sintomi del cistocele?

I soggetti con cistocele leggera possono risultare asintomatici. Nelle altre condizioni i sintomi possono comprendere un senso di pienezza o di pressione a carico delle pelvi e dell’area vaginale (in particolar modo quando si è costretti a rimanere in piedi a lungo), un disagio che può aumentare in caso di sforzo, tosse, pressione o sollevamenti ripetuti, il prolasso di tessuti che nei casi più seri possono fuoriuscire dalla vagina dando la sensazione di essere sedute su un uovo e che possono ritornare all’interno nel momento in cui ci si sdraia, la sensazione di non aver svuotato del tutto la vescica subito dopo la minzione, infezioni reiterate a carico della vescica e dolore o perdita di urina nel corso di rapporti sessuali.

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.

Prenota