La cistite è un’infezione che colpisce sempre più donne nel mondo. Tuttavia, per prevenirla dobbiamo prima conoscerne le cause. Ne abbiamo parlato con il Dottor Rodolfo Hurle, membro del Comitato scientifico Associazione Urologi italiani (AURO) nonché urologo presso l’Istituto Clinico Humanitas.

Definiamo i termini

Spesso sentiamo parlare di stitichezza e cistite intorno a noi. Ma nel concreto, di che cosa si tratta? La stitichezza è una condizione di irregolarità nell’evacuazione delle feci che porta a un loro ristagno.

Queste feci, ristagnando, possono quindi causare la formazione di batteri intestinali pericolosi.

La cistite, d’altra parte, è un’infezione dolorosa che provoca bruciore, talvolta dolore e impellenza di urinare, sensazione di peso al basso ventre.

Che rapporto c’è tra stitichezza e cistite?

Abbiamo definito i due termini principali e ora non ci rimane che metterli in relazione fra di loro.

Il corpo umano femminile ha una particolare struttura anatomica per cui l’orifizio anale è molto vicino all’uretra e facilità quindi il passaggio dei batteri da uno all’altra dando così vita a questa odiata infezione.

Alla luce di ciò non dobbiamo però abbatterci, perché la stitichezza, e quindi la cistite, può essere prevenuta grazie ad alcuni accorgimenti:

  •       Un’alimentazione ricca di fibre che favoriscono la regolarità intestinale.
  •       Uno stile di vita sano e attivo.

·       L’assunzione di almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.