Le vipere si trovano in genere tra i sassi, in prossimità di siepi e arbusti. La loro prima difesa in genere è la fuga: questi rettili attaccano infatti solo se sentono un pericolo molto vicino. Nel caso di escursioni all’aria aperta è importante camminare lungo i sentieri, tastare il terreno con un bastone (il cui rumore induce spaventa i rettili e li induce alla fuga), ed indossare scarpe, calzettoni e pantaloni in grado di coprire adeguatamente gli arti inferiori.

 

Quali sono i sintomi associati al morso di vipera?

Non sempre il morso della vipera implica un rilascio di veleno. Il morso è riconoscibile da due fori sulla pelle distanti tra loro circa un centimetro; in alcune circostanze però il foro è uno solo. Il morso porta con sé dolore e bruciore; si manifestano poi edema, eritema e bolle che tendono a estendersi lungo la zona colpita.

 

Cosa fare in caso di morso di vipera?

In primo luogo è importante mantenere la calma, dato che l'attivazione dei meccanismi da stress facilita la diffusione dell'eventuale veleno. Occorre sfilare subito anelli, bracciali, orologi ed altri accessori, prima che la zona colpita si gonfi.

È importante lavare subito la ferita con acqua corrente e disinfettarla con acqua ossigenata o permanganato di potassio; successivamente la zona del morso dev’essere fasciata o compressa (ma senza ricorrere al laccio emostatico), e ci si deve recare il più velocemente possibile ad un pronto soccorso.

 

Cosa non fare in caso di morso di vipera?

    Non disinfettare con alcol o soluzioni alcoliche.

    Non tentare di rimuovere o aspirare il veleno in alcun modo.

    Non consumare bevande alcoliche.

 

 

Disclaimer: le informazioni contenute in quest'articolo non sostituiscono in alcun modo l'intervento o le indicazioni degli operatori di primo soccorso e forniscono solo semplici suggerimenti per tenere sotto controllo la situazione nell’attesa di ricevere soccorso.