Che cos'è l'Amfotericina B?

L'Amfotericina B è un antimicotico ad azione fungicida o fungistatica. Agisce, pertanto, distruggendo i funghi o impendendone semplicemente la proliferazione.

 

A cosa serve l’Amfotericina B?

L'Amfotericina B viene impiegata per il trattamento di infezioni da funghi, progressive e potenzialmente letali.

Viene utilizzata, inoltre, nel trattamento di alcune infezioni sostenute da protozoi, in particolare alcune leishmaniosi.

 

Come si assume l'Amfotericina B?

In genere l'Amfotericina B viene somministrata direttamente in vena. Il dosaggio viene stabilito dal medico in funzione delle caratteristiche dell’infezione e delle condizioni del paziente. E’ importante che la terapia venga portata a termine scrupolosamente in modo da garantirne l'efficacia massima e da ridurre il rischio di insorgenza di fenomeni di resistenza al farmaco da parte del fungo.

 

Quali sono gli effetti collaterali dell'Amfotericina B?

I disturbi più frequenti associati all’uso dell’Amfotericina B sono rappresentati da febbre e brividi.

Il farmaco può scatenare effetti collaterali anche carico del tratto gastrointestinale, con nausea, mal di stomaco e perdita di appetito, e del sistema nervoso, provocando l’insorgenza di mal di testa. Da segnalare anche eventi avversi quali dolori muscolari o articolari e perdita di peso.

È importante interrompere subito il trattamento con l’Amfotericina B e contattare subito un medico in caso di segni riconducibili a reazioni allergiche, quali:

  • rash
  • orticaria
  • prurito
  • dolore o arrossamento a livello del sito di iniezione
  • difficoltà respiratorie
  • sensazione di oppressione al petto
  • gonfiore di volto, labbra, bocca o lingua
  • dolori al petto
  • vomito
  • diarrea

Contattare subito il medico anche in caso di:

  • convulsioni
  • feci scure o con sangue
  • minzione ridotta
  • ittero
  • capogiri
  • respiro accelerato
  • perdita dell'udito
  • battito cardiaco irregolare
  • stanchezza o debolezza

Il medico potrebbe prescrivere altri farmaci da assumere prima della somministrazione dell'Amfotericina B, al fine di contrastare l’insorgenza di tali effetti collaterali.

 

Quali sono le controindicazioni all’uso dell’Amfotericina B?

Prima del trattamento con l’Amfotericina B, è importante informare il medico nel caso di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualsiasi altro farmaco o alimento, o in caso di problemi renali, che potrebbero influenzare l’eliminazione del farmaco.

E’ importante inoltre che il medico venga messo a conoscenza dell’assunzione di sostanze che potrebbero costituire una controindicazione all’uso dell’Amfotericina B. Tali sostanze sono:

  • altri farmaci, con particolare attenzione verso antifungini azolici,    aminoglicosidi, farmaci antineoplastici, ciclosporina, pentamidina, corticosteroidi, corticotropina, digossina, flucitosina o miorilassanti
  • fitoterapici
  • integratori

 

Avvertenze

Non è possibile escludere con certezza l’insorgenza di danni al nascituro o al lattante, a causa della scarsità di studi sul profilo di sicurezza del farmaco durante la gravidanza e l’allattamento. L’uso dell’Amfotericina B, se si è incinte o si sta allattando al seno, deve essere, pertanto, attentamente valutato.

L'Amfotericina B potrebbe compromettere lo stato di vigilanza del paziente.  Durante il trattamento con l’Amfotericina B sono sconsigliati, quindi, la guida di veicoli e l’utilizzo di macchinari pericolosi, specie se si assumono anche altri farmaci o alcol.