Combatte i batteri inibendo la sintesi della loro parete cellulare. In particolare l'Amoxicillina inibisce la componente maggiore della parete cellulare dei batteri sia Gram positivi che Gram negativi, ovvero il legame crociato tra i polimeri lineari di peptidoglicano.

 

A cosa serve l'Amoxicillina?

E’ un antibiotico battericida con ampio spettro d'azione che si utilizza in particolare nel trattamento delle infezioni delle vie respiratorie (broncopolmonite, polmonite, bronchiectasia, faringite, tonsillite, sinusite, otite media, bronchite acute e croniche, ascesso polmonare); nelle infezioni della milza; nelle setticemie, peritoniti ed endocarditi; nella sepsi postoperatoria; nel trattamento dell'otite media acuta; nelle infezioni otorinolaringoiatriche e stomatologiche; nelle infezioni delle vie urogenitali; nelle infezioni di pelle e tessuti molli; nelle infezioni gastrointestinali, incluse quelle biliari, salmonellosi. In diversi casi l'Amoxicillina è il farmaco che viene scelto prioritariamente rispetto ad altri antibiotici beta-lattamici, perché meglio assorbito dopo la somministrazione per via orale.

 

Come si assume l'Amoxicillina?

Può essere somministrata sotto forma di sospensione, gocce, compresse o capsule per uso orale o sotto forma di soluzione per iniezioni (da praticare endovena o intramuscolo).

 

Effetti collaterali dell'Amoxicillina

Gli effetti indesiderati riconducibili all'utilizzo di Amoxicillina sono molteplici, la severità dei quali può dipendere dalla durata della cura – che può estendersi da cinque giorni a due settimane – e dalla sensibilità individuale al principio attivo:

  • disturbi gastrointestinali: nausea, dolori addominali, vomito, diarrea, gastrite;
  • disturbi ematologici: alterata funzionalità piastrinica, aumento del tempo di sanguinamento, anemia, porpora, neutropenia, leucopenia, trombocitopenia, pancitopenia, agranulocitosi reversibile, petecchie;
  • disturbi epatici: aumento delle transaminasi, ittero, epatite colestatica;
  • disturbi cardiovascolari: vasculite;
  • disturbi centrali: emicrania, vertigini; insonnia;
  • disturbi dermatologici: rash cutanei, eritema multiforme, necrolisi tossica epidermica e dermatite esfoliativa, rash bolloso, rash maculopapulare;
  • disturbi uro-genitali.

 

Controindicazioni e avvertenze dell'Amoxicillina

Ne è controindicato l’uso in caso di:

  • pazienti con infezioni sostenute da patogeni produttori di betalattamasi;
  • pazienti con rischio noto per allergia;
  • ipersensibilità alle penicilline e alle cefalosporine;
  • pazienti affetti da mononucleosi, infezioni virali, leucemia linfatica.