Che cos'è il Celecoxib?

Il Celecoxib è un medicinale che appartiene alla categoria dei farmaci antinfiammatori non steroidei, indicati con l’acronimo FANS. Al pari degli altri FANS, riduce la concentrazione delle prostaglandine, molecole che causano infiammazione e dolore.

 

A cosa serve il Celecoxib?

Il Celecoxib trova largo impiego nel trattamento del dolore e dell'infiammazione associati a diverse condizioni, come l’artrite, la spondilite anchilosante e il ciclo mestruale.

Viene inoltre impiegato nel trattamento di altre patologie, quali l'artrite reumatoide giovanile, ma solo a partire dal secondo anno di età, e nel trattamento delle forme ereditarie di poliposi al colon.

 

Come si assume il Celecoxib?

Il Celecoxib viene somministrato attraverso la via orale, in genere sotto forma di capsule rigide. E’ consigliabile assumere il farmaco con del cibo, nel caso in cui compaiano fastidi allo stomaco.

 

Quali sono gli effetti collaterali del Celecoxib?

Prima di iniziare il trattamento è assolutamente necessario informare il paziente che il Celecoxib può aumentare il rischio di infarto e ictus o causare importanti emorragie gastrointestinali. Tale rischio aumenta se il farmaco viene assunto per lunghi periodi o a dosaggi elevati.

Possono inoltre verificarsi altri effetti avversi, per lo più a carico del tratto gastrointestinale, come

  • mal di stomaco
  • indigestione
  • meteorismo
  • diarrea

Sono stati osservati anche casi di:

  • gonfiore a mani o piedi
  • capogiri
  • sintomi di raffreddamento (ad esempio naso chiuso, starnuti, mal di gola)

È opportuno contattare tempestivamente un medico nel caso in cui compaiano:

  • rapido aumento di peso
  • fiato corto
  • sintomi di emorragie gastriche
  • problemi al fegato
  • problemi ai reni
  • anemia
  • sintomi riconducibili a fenomeni allergici, come rash, orticaria, prurito, difficoltà respiratorie, senso di oppressione al petto, gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua

 

Quali sono le controindicazioni all’uso del Celecoxib?

Il Celecoxib è controindicato:

  • in caso di emorragie gastrointestinali

  • in caso di forti reazioni allergiche all'aspirina o ad un altro FANS (= farmaco antinfiammatorio non steroideo)
  • poco prima o poco dopo un intervento di bypass cardiaco

Prima di iniziare un trattamento con Celecoxib è opportuno informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco (in particolare ai sulfamidici, all'aspirina o ad altri FANS), ad alimenti o ad altre sostanze
  • dell’assunzione di altri medicinali, di fitoterapici e di integratori, in particolare farmaci contro raffreddori, allergie o dolore, antidepressivi, fluconazolo, litio, anticoagulanti, farmaci cardiovascolari e diuretici
  • se si soffre (o si ha sofferto) di disturbi quali: malattie cardiache, ipertensione (=pressione alta), ipercolesterolemia (=colesterolo alto), diabete, ulcere gastrointestinali, malattie a carico di fegato e reni o ritenzione idrica
  • se si fuma
  • in caso di gravidanza o allattamento

Durante il trattamento con il Celecoxib è opportuno evitare l’assunzione di alcolici e di altri FANS (= farmaci antinfiammatori non steroidei).

 

Avvertenze

L’assunzione del Celecoxib è controindicata in caso di gravidanza e allattamento, dal momento che eventuali danni a carico del nascituro e del lattante non possono essere esclusi con certezza.