L’alterata visione dei colori è un disturbo della vista caratterizzato da una mutata percezione dei colori. Può comparire fin dalla nascita a causa di un difetto congenito della vista oppure può verificarsi per una lesione improvvisa delle vie ottiche che può interessare il nervo ottico, della retina, della coroide e della macula. Il disturbo può essere di tipo unilaterale (ossia interessare un solo occhio) o bilaterale (riguardare entrambi gli occhi). L’alterazione dei colori può variare; è possibile si verifichi un’attenuazione di alcuni colori, come ad esempio il rosso, una visione dei colori meno intensa o sulle tonalità del grigio, il tutto accompagnato da una progressiva riduzione della vista.

Quali sono i rimedi contro l’alterata visione dei colori?

Il primo passo è effettuare una diagnosi del disturbo per evidenziarne la causa. Se si è di fronte ad un’infezione o un’infiammazione delle vie ottiche, si deve procedere con una terapia farmacologica. Negli altri casi, si deve curare la patologia che ha determinato l’insorgenza del sintomo stesso. In tale situazione, esistono diverse possibilità terapiche (farmaci, chemioterapia, chirurgia), a seconda dei casi riscontrati.

Quali malattie si possono associare all’alterata visione dei colori?

Le patologie che si possono associare all’alterazione nella visione dei colori sono:

  • Degenerazione maculare
  • Ictus
  • Neurite ottica
  • Retinite pigmentosa
  • Retinoblastoma
  • Retinopatia diabetica
  • Ulcera corneale

È bene precisare che questo elenco non è esaustivo.

Visione alterata dei colori, quando rivolgersi al proprio medico?

Quando si soffre di alterata visione dei colori è fondamentale sottoporsi in modo tempestivo alle cure mediche poiché potrebbe trattarsi di una delle patologie sopra elencate (quali ictus), in modo da garantirsi maggiori possibilità di guarigione.