L’alterazione del ciclo mestruale è dovuta ad un’irregolarità della mestruazione che non si manifesta ogni mese o, al contrario,  si presenta più di una volta con eccessive o improvvise perdite di sangue. Questo disturbo può declinarsi secondo può dipendere da diverse anomalie:

  • Anomalie del ritmo contraddistinte da irregolarità della cadenza, oligomenorrea (ritardo del ciclo), polimenorrea (cicli anticipati) e amenorrea (assenza di ciclo)
  • Anomalie della quantità e durata, ovvero mestruazioni scarse (ipomenorrea, abbondanti (ipermenorrea) e troppo lunghe (menorragia)
  • Anomalie nella comparsa che si dividono in metrorragia (perdita inaspettata) e menometroraggie (perdite di sangue tra i cicli e mestruazioni lunghe)

Quali sono i rimedi per l’alterazione del ciclo mestruale?

Non necessariamente l’assenza di mestruazioni è sia dovuta ad un malfunzionamento dell’organismo. Per individuare causa del disturbo, è utile sottoporsi a visita ginecologica. L’anemia derivante da una mestruazione abbondante può essere curata con l’assunzione di integratori di ferro mentre, per le perdite lievi, è indicato l’uso di antiinfiammatori non stereoidei, come ibuprofene o naprossene. Se si soffre di altre patologie o squilibri ormonali, lo specialista, dopo avere svolto una diagnosi, potrà indicare quale terapia intraprendere oppure consigliare di sottoporsi a operazione chirurgica.

Quali malattie si possono associare all’alterazione del ciclo mestruale?

Le alterazioni del ciclo mestruale possono essere causate da più patologie:

  • Acromegalia
  • Squilibri ormonali
  • Ipertiroidismo
  • Ipotiroidismo
  • Meningite
  • Tumori (ovaio, cervice uterine, endometrio)
  • Endometriosi
  • Cisti ovariche
  • Difetti della coagulazione (Malattia di Von Willebrand)
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • Sindrome dell’ovaio policistico

È bene precisare che questo elenco non è esaustivo.

Alterazione del ciclo mestruale, quando rivolgersi al proprio medico?

E’ sempre e comunque consigliato sottoporsi a visita ginecologica una volta l’anno ma, risulta necessario rivolgersi ad un medico quando:

  • si verifica un sanguinamento o si hanno perdite tra i cicli
  • si verifica un sanguinamento o perdite dopo un rapporto sessuale
  • si verifica un sanguinamento o una perdita durante la gravidanza
  • si verifica un sanguinamento o una perdita dopo la menopausa
  • quando si avverte dolore
  • quando le mestruazioni durano più di 7 giorni o sono eccessive in quantità
  • in presenza di perdite anomale o con odori sgradevoli
  • in presenza di febbre
  • in caso di aumento o perdita improvvisa di peso
  • in caso di ridimensionamento del seno