La sensazione di gonfiore addominale solitamente è causata dalla presenza di gas nello stomaco e nell’intestino. A provocare la formazione di aria nella pancia, possono essere alcuni cibi e bibite gassate ma anche l’abitudine di masticare gomme, fumare. Persino gli stati d’ansia possono contribuire a questo fastidioso problema. Il gonfiore addominale provoca fitte dolorose avvertite nello stomaco e, in taluni casi, può denotare la presenza di una patologia a cui bisogna porre rimedio.

Quali sono i rimedi contro il gonfiore addominale?

Se il gonfiore addominale è sporadico non ha bisogno di alcuna cura. Un rimedio molto utile per eliminare questo sintomo consiste nel ridurre il consumo di fagioli, broccoli, cavoli, lattuga, cipolla, pesche, mele, pere, cereali e bibite gassate. In certi casi conviene eliminare completamente dalla propria alimentazione il latte ed i suoi derivati.

Quali malattie si possono associare al gonfiore addominale?

Le patologie che si possono associare a gonfiore addominale sono le seguenti:

  • Appendicite
  • Calcoli alla cistifellea
  • Celiachia
  • Cirrosi epatica
  • Colecistite
  • Fibrosi cistica
  • Gastroenterite virale
  • Intolleranza al lattosio
  • Occlusione intestinale
  • Peritonite
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Tifo
  • Tumore del colon-retto
  • Tumore dell’ovaio
  • Ulcera duodenale
  • Ulcera gastrica

È bene precisare che questo elenco non è esaustivo.

Gonfiore addominale, quando rivolgersi al proprio medico?

Nei casi in cui questa forte tensione addominale perduri, pur seguendo un’alimentazione corretta, è opportuno consultare il medico, in particolare se compaiono altri sintomi quali evacuazioni frequenti o anomale, diarrea, sangue nelle feci, cambiamento del colore delle feci, perdita improvvisa di peso, forti dolori addominali e dolore al petto.