Ecocardiografia

Che cos’è l’ecocardiografia?

L’ecocardiografia è utile per lo studio del cuore e del flusso del sangue tramite le valvole. Quest’esame fa uso di ultrasuoni che, a differenza delle radiazioni usate in radiologie, sono innocui e non necessitano di nessuna precauzione, è pertanto possibile eseguire l’esame quante volte sia necessario e da tutti i tipi di pazienti, anche da donne in stato di gravidanza.

A che cosa serve l’ecocardiografia?

L'ecocardiografia è in grado di ottenere informazioni sulla contrattilità del cuore, sulla morfologia delle sue valvole e sul flusso del sangue nelle sue cavità, sia a riposo che dopo l'esercizio fisico o a seguito dell'assunzione di un farmaco.

Ci sono varie modalità di esecuzione, ovvero:

  • l'ecocardiografia transtoracica
  • l'ecocardiografia transesofagea (per via endoscopica)
  • l'ecocardiografia 3D (tridimensionale)

Quali sono le norme di preparazione?

Le norme di preparazione variano a seconda della tipologia di esame che viene effettuato.

  • norme di preparazione per ecocardiografia transtoracica
  • norme di preparazione per ecocardiogramma transesofageo
  • norme di preparazione per ecocardiografia 3D

Chi può effettuare l’ecocardiografia?

Chiunque può sottoporsi all’ecocardiografia, questo perché non presenta particolari controindicazioni.

L’ecocardiografia è dolorosa o pericolosa?

L’ecocardiografia è considerato un esame indolore e sicuro.

Come funziona l’ecocardiografia?

L’esame ha una durata totale di circa 10-15 minuti, durante i quali è possibile che al paziente venga richiesto di rimanere immobile o di respirare profondamente.
Ci si dovrà sdraiare a torso nudo sul lettino dell’ecografista il quale posizionerà degli elettrodi sul petto, precedentemente coperto da uno strato di gel. In seguito gli verrà appoggiata una sonda che, emettendo ultrasuoni, riflessi e rielaborati dall’apparecchiatura, permetteranno di visualizzare il cuore e le sue strutture. Durante l’esame la sonda sarà spostata esercitando una leggera pressione. Finito l’esame, gli elettrodi verranno tolti e il paziente dovrà solamente pulirsi dal gel rimasto sulla pelle.