Che cos'è il pesce spada?

Il pesce spada (Xiphias gladius) è un pesce di mare appartenente alla famiglia degli Xifidi. Il nome deriva dal suo prolungamento della mascella superiore, un rostro osseo simile a una spada. Questo pesce ha carni eccellenti, poco grasse e dal sapore delicato.

Quali sono le proprietà nutrizionali del pesce spada?

100 grammi di pesce spada contengono:

    16,9 g di proteine

    4,2 g di grassi

    1 g di carboidrati

    109 Kcal

Il pesce spada contiene sali minerali e vitamine, in particolare:

    magnesio

    fosforo

    potassio

    selenio

    calcio

    niacina

    vitamina A

    vitamina B12

Quando non mangiare il pesce spada?

Le carni del pesce spada contengono una sostanza tossica chiamata metilmercurio; è bene quindi che i bambini o le donne in età fertile, in gravidanza o in allattamento non ne consumino più di una porzione di 100 g a settimana.

Possibili benefici del pesce spada

Il pesce spada è una buona fonte di proteine, vitamine e sali minerali.

Il fosforo ed il calcio sono importanti per la salute delle ossa e dei denti; il potassio aiuta a mantenere la pressione nella norma e può ridurre il rischio di calcoli renali ricorrenti e la perdita di tessuto osseo durante l’invecchiamento; il selenio permette il buon funzionamento degli antiossidanti cellulari; il magnesio infine interviene in numerose reazioni che avvengono a livello cellulare.

La vitamina A protegge la vista, favorisce lo sviluppo delle ossa e la crescita dei denti. La vitamina B12 svolge un ruolo importante nella produzione dei globuli rossi e nella formazione del midollo osseo.

Possibili controindicazioni del pesce spada

Il pesce spada può contenere mercurio organico (metilmercurio), un materiale la cui presenza nell’ambiente è dovuta parzialmente all’inquinamento. Ad accumularne maggiori quantità sono proprio i pesci predatori di grandi dimensioni, come il pesce spada. Altri fattori di tossicità vengono generalmente annientati dalla cottura; tra questi troviamo l’Anisakis, un parassita molto diffuso nel Mar Mediterraneo. Per questo motivo è bene cuocere sempre il pesce spada prima di consumarlo.

Nel caso in cui si volesse consumare carne di pesce spada cruda è assolutamente consigliabile informarsi se sia stata congelata a -20 gradi per almeno 24 ore, procedimento reso obbligatorio da una normativa europea (Regolamento CE 853/2004, sulla «Vendita e somministrazione di preparazioni gastronomiche contenenti prodotti della pesca destinati ad essere consumati crudi o praticamente crudi»). A casa invece, è bene congelare il pesce spada per almeno 96 ore a -18°C in un congelatore a tre o più stelle, prima di consumarla cruda.

Stagionalità del pesce spada

In Italia la pesca del pesce spada è praticata soprattutto in Sicilia e in Calabria, da aprile a settembre.

Disclaimer

Le informazioni qui riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere di un medico. Per condurre un'alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.