Che cos’è un’infezione da stafilococco meticillino-resistente?

 

Trattasi di uno Staphylococcus aureus resistente a molti degli antibiotici che normalmente sono impiegati per curare le infezioni da stafilococco aureo.

Si ritiene che la resistenza agli antibiotici da parte di alcuni stafilococchi sia il frutto di decenni di impiego non appropriato di antibiotici, anche per forme che non ne richiederebbero l’utilizzo, (come, ad esempio, le sindromi da raffreddamento associate solo a virus, per le quali gli antibiotici non sono efficaci, e altre malattie come l’influenza che non rispondono ai trattamenti base di questi medicinali).

 

Come si contrae un’infezione da stafilococco meticillino-resistente?

 

Un’infezione da stafilococco meticillino-resistente può essere contratta in particolar modo in ambito ospedaliero o di altre strutture di cura, soprattutto in seguito a terapie invasive come interventi chirurgici o inserimenti venosi di catetere.

Al di fuori delle strutture ospedaliere questa infezione potrebbe essere contratta in seguito al contatto con la pelle di una persona portatrice del batterio.

 

Quali sono i sintomi di un’infezione da stafilococco meticillino-resistente?

 

Queste infezioni provocano dei noduli gonfi, rossi e dolorosi, che sono simili a dei foruncoli o a dei piccoli morsi di ragno. Associati a questi noduli possono essere: presenza di pus, febbre, sensazione di calore al tatto e ascessi.

 

Quali malattie possono essere associate a un’infezione da stafilococco meticillino-resistente?

 

Le infezioni da stafilococco meticillino-resistente oltre a creare problemi alla pelle possono colpire anche più in profondità all’interno dell’organismo, provocando infezioni a articolazioni, ossa, sangue, valvole cardiache, polmoni e ferite chirurgiche.

 

Come si può curare un’infezione da stafilococco meticillino-resistente?

 

Queste infezioni possono essere curate con antibiotici diversi dalla meticillina, che riescono pertanto a sterminare il microbo nonostante i suoi meccanismi di resistenza.

In alcuni casi, però, il medico curante può disporre il drenaggio dell’ascesso determinato dal microbo senza prevedere l’impiego di medicinali.

 

Importante avvertenza

 

Le informazioni di questa scheda forniscono delle semplici indicazioni di carattere generale e non possono in nessun caso sostituirsi al parere del medico. In presenza di una situazione di malessere è sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi al più vicino Pronto Soccorso.