Presbiopia, perché dai 40 anni la nostra vista peggiora da vicino?

Allontanare il menù al ristorante, o il giornale la mattina, per riuscire a mettere a fuoco le lettere e leggere con facilità, è uno dei campanelli d’allarme della presbiopia, una condizione che impedisce di vedere chiaramente da vicino. Si tratta di una condizione piuttosto comune che tende a progredire con l’età ma che, per le persone che non hanno mai indossato un paio di occhiali o lenti a contatto per correggere la propria vista, potrebbe essere destabilizzante. Cosa succede ai nostri occhi? Dobbiamo rassegnarci al fatto di vedere sempre meno o possiamo fare qualcosa per prevenire la presbiopia?

Ne abbiamo parlato con il dott. Bruno Battaglia, oculista presso l’ambulatorio Humanitas Medical Care Murat a Milano.

Da cosa è causata la presbiopia?

La risposta a questa domanda non ci è ancora stata fornita in maniera univoca dalla scienza. Tra le teorie più accreditate, vi è quella di una sclerosi, ossia un irrigidimento di zonula e cristallino, ossia l’apparato che mette a fuoco gli oggetti che stiamo guardando. Con l’avanzare dell’età queste strutture perdono di elasticità, impedendo quel cambiamento di conformazione che consente all’occhio di mettere a fuoco le immagini da vicino.

Il principale fattore di rischio è l’età, ma se questa condizione si manifesta prima dei 40 anni, potrebbe essere causata da un difetto visivo non corretto in maniera adeguata, o più raramente da farmaci, quali diuretici, antistaminici o antidepressivi, traumi, o patologie come diabete, sclerosi multipla, malattie cardiovascolari.

È possibile prevenire la presbiopia?

Purtroppo non è possibile prevenire la presbiopia. Tuttavia, è consigliabile evitare un uso eccessivo o senza pause di videoterminali che, benché non direttamente correlato alla presbiopia, può rendere più precoce la comparsa di sintomi quali affaticamento visivo o mal di testa.

Come si corregge la presbiopia?

La presbiopia si può correggere in vari modi. Il più semplice è mediante l’uso di occhiali (sia progressivi sia da vicino) o lenti a contatto multifocali.

Esiste la possibilità, in soggetti molto motivati, di ricorrere a varie tecniche chirurgiche per la correzione di questo difetto visivo.

Gli interventi sono diversi e con differenti gradi di invasività, che vanno valutati di volta in volta dal chirurgo refrattivo.

Tra le varie opzioni abbiamo il laser a eccimeri, la lensectomia refrattiva (ossia l’asportazione del cristallino, corrispettivo dell’intervento di cataratta) e, meno di frequente, l’impianto di protesi intracorneali.

Tuttavia è bene sottolineare che il trattamento di prima linea, che garantisce ottimi risultati nella quasi totalità dei pazienti, è l’impiego di lenti correttive, unica metodica priva di complicanze.

Oftalmologia
Dr. Bruno Battaglia
Visite ed Esami
Visita oculistica

Sedi

Humanitas Medical Care
Milano Murat
Via Gioacchino Murat, 13, 20159 Milano, MI, Italia
I numeri di Humanitas
  • 12.000.000 Visite
  • 1.000.000 pazienti
  • 7.300 professionisti
  • 190.000 ricoveri
  • 12.000 medici