Stress di coppia: com’è possibile superarlo?

Talvolta, vivere in una grande città metropolitana con i suoi ritmi frenetici può essere stressante perfino per le coppie più affiatate, ma questa non deve essere considerata in alcun modo la causa di un problema che la coppia può vivere tra le mura di casa in un particolare momento della propria vita. Il motivo?

Ce lo spiega il dott. Andrea Ronconi, sessuologo e psicoterapeuta di coppia all’ambulatorio Humanitas Medical Care Milano De Angeli e specialista del centro di Sessuologia Medical Care.

Quali possono essere i fattori di stress in una coppia?

Vivere momenti di stress durante l’arco della propria vita è normale. Succede a tutti. Non soltanto per chi vive nelle grandi città. Tuttavia, spesso si tende ad imputare lo stress di coppia alle semplici abitudini che si sviluppano nella condividere e convivere gli spazi, la propria situazione economica, il proprio stile di vita, e a tutti quei comfort che si desidererebbe avere ma a cui bisogna rinunciare. Eppure, questi non sono gli unici motivi.

Molte coppie sono talmente abituate a vivere momenti stressanti che non ne riconoscono più i segnali. Vivono sotto pressione da così tanto tempo che si sono abituati, senza più distinguere i momenti liberi da stress da quelli caratterizzati da una tensione relazionale ed emotiva, ed è questo il problema più grande: se non c’è la capacità da parte della coppia di riconoscere il problema, non è possibile riuscire a superarlo.

Che impatto può avere lo stress sulla coppia?

Può sembrare banale, ma il primo passo per superare un momento di stress è riconoscerlo e parlarne con il proprio partner. Avere la consapevolezza di un problema può aiutare a superarlo e a vivere più serenamente la propria quotidianità. Lo stress, infatti, non è nocivo solo per il singolo, ma per la coppia, la relazione, la comunicazione e i momenti di intimità.

Se cronico, può infatti arrivare a stravolgere completamente la vita di una coppia, portando ad una incomunicabilità tra i partner, raffreddamento emotivo, isolamento e chiusura in se stessi, oltre che a problematiche sessuali di lui, di lei di fatto della coppia. Se appare ovvio che ci sia sempre una co-responsabilità nello sviluppo di stress-crisi di coppia allora è altrettanto normale attendersi l’impegno di entrambi, nella prospettiva di risolverla.

Come riconoscere lo stress nella coppia?

Ci sono determinati segnali che permettono di riconoscere lo stress all’interno della coppia. Questi comprendono:

   Sbalzi di umore repentini: la coppia passa da momenti di pseudo serenità a momenti di tensione e rabbia espressa con parole, gesti e fatti;

–   Irritabilità (di uno od entrambi): richieste specifiche o comunicazioni portano il partner a reagire in modo esagerato;

–   Agitazione (di uno o di entrambi): può portare alla necessità di ricorrere a comportamenti dannosi per calmarsi ed evitare di non pensare ai problemi di coppia (come alcol, farmaci, cibo e droghe);

–   Tendenza a piangere spesso: la labilità emotiva può succedere anche in assenza di un motivo consapevole e chiaro.

Cosa si può fare per risolvere lo stress di coppia?

Il primo passo è adottare una serie di comportamenti che attivino una risposta che sia funzionale contro lo stress, come:

–   Ascoltare empaticamente il partner, chiedergli cosa sta succedendo e standogli vicino;

–   Fare attività fisica insieme o meno per scaricarsi dallo stress eccessivo della quotidianità;

–   Decidere insieme quali attività e comportamenti adottare quando si è sotto pressione;

–   Proporre una strategia per affrontare lo stress solo dopo aver ascoltato il partner, passando all’ascolto emotivo e compassionevole prima di proporre soluzioni alternative;

–    Affrontare con il partner un problema alla volta, offrendosi delle pause piacevoli per entrambi; 

–   Non dare solo soluzioni ma chiedere al partner cosa secondo lui/lei potrebbe migliorare la situazione per superare il momento di crisi;

–   Non rimandare e riconoscere cosa è realmente utile;

–   Chiedersi se si sta facendo tutto il possibile per aiutare e ascoltare il partner, al fine di stare meglio insieme;

–   Rivolgersi ad uno specialista (come uno psicoterapeuta di coppia o sessuologo se ci fossero anche problematiche di intimità) sia nelle situazioni più critiche che in quelle divenute ormai croniche.

Sessuologia
Dottor Andrea Ronconi
I numeri di Humanitas
  • 12.000.000 Visite
  • 1.000.000 pazienti
  • 7.300 professionisti
  • 190.000 ricoveri
  • 12.000 medici