Si utilizza soprattutto come agente antitubercolare secondario nel caso in cui i farmaci di prima scelta risultino inefficaci o quando il loro uso sia precluso per motivo vari (intolleranza o presenza di organismi resistenti). Agisce, in generale, contro batteri Gram-positivi e Gram-negativi, e in particolare su micobatteri tubercolari come Mycobacterium tubercolosis, Mycobacterium avium e Mycobacterium bovis e altri batteri atipici. Viene utilizzata altresì nella cura delle infezioni delle vie urinarie che non rispondono ad altre terapie.

 

Come funziona la Cicloserina?

E’ una sostanza antimicrobica ad ampio spettro isolata da Streptomyces orchidaceus (specie fungina) e prodotta per sintesi Il suo meccanismo d'azione antibatterica consiste nell'inibire la sintesi della parete cellulare dei batteri sui quali agisce (in particolare per competizione con la D-alanina, precursore di un componente della parete batterica).

 

Come si assume la Cicloserina?

Si somministra per via orale.

 

Effetti collaterali della Cicloserina.

Gli effetti collaterali associabili all'utilizzo della Cicloserina sono numerosi. Tra i più comuni si riscontrano effetti indesiderati a carico del sistema nervoso centrale (cefalea, convulsioni, paresi, iperreflessia, psicosi e parestesie), aumento delle transaminasi e reazioni allergiche.

 

Controindicazioni e avvertenze

L’impiego di tale farmaco è piuttosto raro atteso che è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica e risulta essere caratterizzata da una elevata tossicità, il suo impiego è piuttosto raro.