In clinica, viene utilizzata per trattare infezioni gravi, in combinazione con l'antibiotico Imipenem.

 

Come si assume la Cilastatina?

In ambiente ospedaliero, viene somministrata – per via endovenosa – in formulazioni combinate con l'antibiotico Imipenem .

 

Come funziona la Cilastatina?

E’ un farmaco di sintesi inibitore competitivo della deidropeptidasi I, un enzima che si trova in corrispondenza dell'orletto a spazzola delle cellule del tubulo prossimale renale. Viene prescritto in formulazione con l'antibiotico Imipenem per inibire il metabolismo renale di questo farmaco e  favorendone le concentrazioni nelle urine.

 

Effetti collaterali e avvertenze

Tra gli effetti collaterali accertati associabili all'uso di Cilastatina e alle formulazioni che la comprendono si riscontrano soprattutto senso di nausea, conati di vomito e scariche diarrea. Può generare allergie.

Nei confronti si pazienti anziani e per i soggetti affetti da patologie renali dovrebbe essere previsto un adeguamento del dosaggio solitamente utilizzato.