Che cos’è e a che cosa serve lo stent prostatico?

Lo stent prostatico svolge una funzione simile a quella degli stent classici utilizzati in ambito cardiovascolare e permette di consentire un normale flusso delle urine.

Lo stent prostatico è una delle soluzioni per il trattamento dei pazienti con ostruzione prostatica, spesso causata da ipertrofia prostatica benigna.

 

Come funziona lo stent prostatico?

L’inserimento di uno stent prostatico viene effettuato in regime ambulatoriale e anestesia locale.

Gli stent prostatici possono essere temporanei o permanenti. Gli stent temporanei possono essere utili in seguito a procedure mediche o chirurgiche che causino difficoltà al flusso delle urine fisiologico.

Gli stent prostatici permanenti, invece, sono simili a una spirale metallica e vengono introdotti nell’uretra maschile grazie all’aiuto del cistoscopio flessibile, un apposito strumento molto comune in campo urologico, alla cui estremità viene collegato lo stent.

Il cistoscopio entra nell’uretra e posiziona correttamente lo stent, la maglia si espande e mantiene aperta l’uretra, agevolando il passaggio del flusso urinario.

 

Lo stent prostatico è pericoloso o doloroso?

L’introduzione di uno stent è una procedura sicura, la sua presenza a lungo termine potrebbe causare disturbi come minzione dolorosa e infezioni del tratto urinario.

 

Disclaimer

Le informazioni riportate sono da intendersi come indicazioni generiche e non sostituiscono in alcuna maniera il parere dello specialista.