Una specialità dedicata a

La pediatria è la medicina dedicata al bambino: un percorso che accompagna il piccolo paziente dagli 0 ai 14 anni. La pediatria si occupa dello sviluppo psicofisico, della diagnosi e terapia delle malattie infantili. La neonatologia è, invece, la parte della disciplina pediatrica che si occupa dei neonati entro il primo mese di vita.

 

La nostra offerta pediatrica

L’attenzione al mondo dell’infanzia è affidata al pediatra, che accompagna e segue il bambino nelle visite ed esami in un percorso dettagliato e multidisciplinare. Alla tradizionale visita pediatrica si affiancano, infatti, diverse specialità ed esami che nel Centro sono rivolti ai piccoli pazienti:

  • Allergologia
  • Dermatologia: si occupa della diagnosi e cura della patologia immuno-allergica (dermatite atopica e complicanze), delle malattie infenttive (micosi, pediculosi, patologie virali e batteriche), del curettage di molluschi contagiosi e crioterapia di verruche, della valutazione clinico-dermatoscopica e del follow-up di nevi congeniti/lesioni melanocitarie e altre lesioni tumorali benigne
  • Ecografia alle anche
  • Logopedia
  • Neuropsichiatria infantile
  • Nutrizione e Dietetica: la consulenza nutrizionale pediatrica è utile sia ai piccoli, per sviluppare un buon rapporto con il cibo, sia ai genitori che ricevono consigli personalizzati per garantire una crescita corretta al bambino. Il percorso nutrizionale, fatto di una dieta bilanciata e corrette abitudini alimentari, assicura, infatti, ottime basi per prevenire, fin dalla tenera età, l'insorgenza di obesità e mallattie in età adulta.
  • Odontoiatria pediatrica (Pedodonzia)
  • Otorinolaringoiatria con prestazioni di audiologia infantile: la visita audiologica si rende necessaria in presenza di disturbi quali ipoacusia o perdita uditiva, otite, otosclerosi, malattia di Meniere, vertigine.
  • Prelievi (a partire dai due anni)
  • Psicologia
  • Valutazione ortottica per lattanti (entro il primo anno di età)

 

Rivolgiti al pediatra, quando?

La visita pediatrica permette di valutare l’andamento della crescita del bambino, dalla nascita all’adolescenza. Riveste particolare importanza entro i primi tre anni di vita, ponendo il focus su specifici obiettivi e monitorando i parametri di crescita regolare.

Nello specifico, si possono distinguere:

  • Prima visita neonatale (entro i primi 15 giorni di vita), per conoscere il pediatra e valutare in toto il neonato.
  • Visita del 1° mese: si accerta l’aumento di peso, la lunghezza, la circonferenza cranica, il riflesso rosso. Si effettua la manovra di Ortolani e si discutono le eventuali difficoltà di allattamento e le prime paure.
  • Visita del 3° mese: si continuano le valutazioni precedenti e si effettuano le prime vaccinazioni.
  • Visita del 4°-5° mese: si valuta la prosecuzione delle vaccinazioni e si affronta il tema dello svezzamento.
  • Visita del 6° mese: tappa importante dell’alimentazione pediatrica perché al latte, fino ad allora unico alimento, si integrano altri cibi.
  • Visita dell’8° mese: si sottopone il neonato ad esami dell’udito, tramite un test chiamato BOEL.
  • Visita del 9° mese: si affrontano le questioni relative allo sviluppo, alla prevenzione degli incidenti, al gattonamento, ai cambiamenti di alimentazione.
  • Visita del 12° mese: verifica i progressi del bambino che sta apprendendo a camminare e mangiare autonomamente.
  • Visita del 15° mese: attenzione al monitoraggio della crescita e dello sviluppo del piccolo paziente.
  • Visita del 18° mese: momento dal quale gli incontri pediatrici si faranno meno frequenti, con una cadenza di 6 mesi.
  • Visita dei 2 anni: accerta l’apprendimento orale del bambino, la sua capacità di camminare e l’acquisito uso del vasino.
  • Visita dei 3 anni: si esegue in occasione dell’inserimento del bambino alla scuola dell’infanzia. L’esame più importante in questa età è lo screening dell’ambliopia agli occhi, utile per diagnosticare il disturbo comunemente conosciuto quale “occhio pigro”.